Covid, approvati i programmi di screening per studenti, territori e categorie a rischio - 23 dicembre 2020

La Toscana e le campagne “Territori sicuri” e “Scuole sicure” farà più testing con tamponi antigenici rapidi gratuiti. Giani e Bezzini: “Giocare d’anticipo e spezzare sul nascere le catene del contagio”

La Giunta Regionale Toscana approva i programmi di screening per studenti, territori e categorie a rischio con i progetti “Scuole sicure” e “Territori sicuri” per la nuova campagna di monitoraggio e screening, tramite test antigenici rapidi gratuiti, su proposta dell’assessore alla sanità Simone Bezzini. L'obbiettivo è quello di fare più tamponi, giocare d’anticipo, scovare il virus dove si nasconde. La delibera include tre programmi specifici: il primo rivolto alla popolazione scolastica, il secondo ai Comuni con maggior diffusione del virus e il terzo ad alcune delle categorie più esposte al rischio di contagio, per offrire loro la possibilità di effettuare tamponi gratuitamente. Una campagna diffusa e articolata, che partirà nel mese di gennaio e si svilupperà almeno nel corso della prima metà dell’anno nuovo. Promossi dall’assessorato alla sanità in stretto rapporto con tutta la Giunta, unita nel coprire tutti i fronti della lotta al Covid, i progetti sono stati condivisi e definiti in tavoli di lavoro dedicati, formati da rappresentanti dei tanti soggetti coinvolti, a partire dagli enti locali e dal mondo della scuola. 
“L’obiettivo è aumentare la nostra capacità di testing per spezzare sul nascere le catene del contagio e anticipare il virus – spiegano il  presidente della Regione Eugenio Giani e l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini - perché chi cerca trova, e chi trova agisce preventivamente. Puntiamo a fare più tamponi possibili per intercettare i casi positivi, in particolare quelli asintomatici, tramite queste campagne di screening, a partire da scuole e comuni dove è maggiore la circolazione del virus, e da chi è più a rischio ed esposto alla possibilità di contagio. Un lavoro che ora può contare sulla certezza del successivo tracciamento.  La Toscana sta per mettere in campo una capillare e innovativa progettualità. Il rischio di una terza ondata è reale ed è nostro compito tentare ogni strada per scongiurarlo e mantenere bassa la curva del contagio, anche per il buon esito stesso della campagna di vaccinazione anti Covid”.

 

Leggi tutto - Fonte

 

Un sito web Dinamo Cms